Buffon e Higuain: giocatori da rispetto!

è un calciomercato più matto che mai e sembrava essere più lento e meno  ambizioso, tenendo conto di un mondiale vissuto da visitatori per noi italiani.

Improvvisamente le voci più calde sono arrivate a Torino, movimentando ancor di più di un Neymar al Psg. Intanto l’addio di Buffon con , oramai, notizie più sicuro sulle sue ambizioni però nascoste fino all’ultimo: salutare la Juve visto che non era più leader e andare in una squadra ancora in lotta per la Champions. Non ha insegnato bene Dani Alves, spostandosi da una squadra in costruzione e vicina con dedizione alla Champions ad un’altra spendona ma perdente più della Juve.  Effettivamente nelle amichevoli non ha fatto una grande figura Buffon e, naturalmente, il gioco e lo stile mentale modifica.

Purtroppo l’altro partente a forza sarà Higuain , insieme a Rugani, in direzione Chelsea da un Sarri che scaccia Conte e si trova questo ultimo a sorpresa fuori dai giochi come all’epoca fece sorprendere la Juve andando a finire al Chelsea.

Higuain continua ad essere criticato dal Napoli, anche nelle conferenze ufficiali fatte da tifosi per giunta e incitate dai massimi dirigenti, un qualcosa che la Juventus non si permetterebbe mai di fare visto che è una cosa seria ; andando, i napoletani, ad indicare Higuain come un “maiale” che non merita nemmeno di essere ricordato per quello che a Napoli ha fatto.

Sia Higuain che Buffon sono veri e propri lavoratori e il cuore lo hanno sempre messo. Sono prima di tutto esseri umani e , almeno sul lato umano, dovremo fare complimenti per un percorso a volte non facile però eseguito con testa. Ok, guadagnano però non vuoldire che i soldi cancellano o annullano la difficoltà mentale.

Da juventino sono dispiaciuto vederli partire e, tenendo anche conto che alla Juve Higuain si sentiva bene, addirittura bisogna sforzare l’operazione per acquisire il denaro per il grande benvenuto a Cristiano Ronaldo. Ci sarà anche il rischio di vedere Higuain e Morata al Milan, ma magari un ritorno di Pogba alla Juve o anche di Vidal. Ora ci potrebbe essere una miriade di giocatori che vorranno venire in serie A, ma almeno rispettiamo e diamo il giusto margine a chi è venuto ed è rimasto per dare se stesso!

Annunci

Questione di soldi

I soldi muovono talenti, idee e progetti. Non è una questione così strana, è una verità così centrale in una società capitalista. Le varie battaglie per migliorare le condizioni da lavoratore ci staranno esattamente come saper vivere in un mondo simile.

Rovazzi, nei suoi testi e video, sa mischiare delle video produzioni con canzoni. Genialata, riprendere il duo iniziale Rovazzi- Morandi, ma poi richiamare altri ospiti in cui il gioco voce e corpo vengono rappresentati come fossero controllati mediaticamente.  La voce dei cantanti più famosi tenute in un liquido, mentre in pillole si conserva l’aspetto eterno dell’artista. Tutto etichettato e utile per mischiare varie voci con i volti di personaggi famosi.

Il marketing che ha fatto infuriare vari lavoratori Fiat di fronte al business Ronaldo. Certo, i lavoratori possono sentirsi presi in giro nel leggere certe cifre mentre loro rischiano la vita e guadagnano assai meno. Io, mi auguro, spero nella possibilità di uscire da questa crisi e secondo me il calcio non è distaccato dal mondo esterno. Naturalmente spero positivamente, magari con più introiti sia alla Juventus che in tutto ciò che può echeggiare nello stato italiano. Purtroppo si è già visto come i poveri rimanevano poveri, mentre i ricchi compravano stadi e volevano organizzarci grandi eventi. Si spera sempre nel buono e mi auguro un Ronaldo che, essendo un paese fortemente incentrato sul calcio, possa muovere il turismo e aumento di considerazione per i lavoratori italiani e non nel nostro paese!

Il cambio del secolo in un episodio

Quel 3 Aprile 2018 non fu un grande momento per la Juventus. Nell’andata dei quarti di finali di Champions League, magari sperando di rivivere certe emozioni e battere certe creature, si prese 3 goal e andò a casa con un Dybala espulso. Il secondo goal, una grande rovesciata, dettò ormai la supremazia del Real Madrid.

ronaldo.jpg

A quel punto il Real andò dritto verso la Champions, Buffon non smise di credere finché, per un dannato errore di Benatia al ritorno,Ronaldo fece quell’unico goal che vanificò la rimonta Juventina : vincente 3 a 1 al Bernabeu però non sufficiente per il clamoroso 3 a 0 dell’andata in casa.

Se l’interesse ulteriore della Juve, da parte di un campionissimo come Ronaldo, poté sbocciare dall’enorme standing ovation da parte dei tifosi juventini; dall’altra parte Buffon rivide la solida solfa e decise così di cambiare aria.

Un po’ da voci e indiscrezioni grazie a chi era responsabile sia di Ronaldo che di Cancelo, la Juve prese e riuscì a carpire prima uno e poi l’altro. Si mosse molto ma molto prima di quanto potremo immaginare, magari già da voci o circostanze in cui Ronaldo vide una nuova luce mentre Buffon la solita vecchia solfa. Certo che un Ronaldo in squadra, poteva un po’ accendere Buffon ma probabilmente doveva cambiare gioco e pubblico.

Ecco che Ronaldo, anni e anni al Real , e Buffon, praticamente Juventino da sempre, improvvisamente cambiano squadra e vieni così a capire che nulla è scontato. Anche un Del Piero l’ha fatto, ma il classico gioco cinese è come un ritiro. Giocare con una squadra attiva e molto seguita, è tutta un’altra cosa e la possibilità di incontrarsi sarà forte.

I goal in rovesciata li faceva anche Higuain, non sono una novità e non si prendono giocatori solo per tali goal. La questione di saper essere sempre vivi e voler essere stimolati, quello è il segreto. Incredibile il destino: Allegri avrà in squadra colui che ha sempre fatto spavento e Buffon potrebbe essere il nostro “nemico” in Champions dove Ronaldo dovrà segnare questa volta! Questa volta Cristiano Ronaldo, almeno per il calcio italiano, dovrà essere tifato e Buffon no;) Naturalmente si scherza, ma in Champions potrebbe anche capitare:)

Da un goal in rovesciata, cambio di casacca e cambio di obiettivi. A Parigi farà strano vedere in porta un omone sapiente, ma in Italia avremo un giocatore ancora fortemente in forma che forse avrà seriamente una lunga carriera come Buffon e se vuole finirla con noi caspita!

Quando la spontaneità e l’ammirazione alla fine ci portano un campione in casa e chissà, avremo ancora perso là la Champions, questa volta abbiamo conquistato chi la fa vincere!

La potenza in Cr7

è ancora una sorta di sogno, anche se i dettagli si stanno formalizzando rapidamente. Si ritorna al piacere di quell’estate del 2015, quando qualcosa poteva attirare e interessare il calciomercato della Juve. Qualcosa cambio negli approcci, mentre precedentemente tutto suonava molto ritrito. I grandi acquisti si vedevano nel tempo, ma non risuonavano fin da subito.

L’estate del 2016, dopo momenti in cui di Champions si viveva però non si spendeva, ci fu il grande colpo e il passaggio nascosto fino all’ultimo da entrambe le parti in cause: Juve e Napoli. L’ufficialità avvenne il 26 Luglio e poco prima del fantomatico ritiro con il Napoli. Una macchina da goal che doveva, seppur in fase calante, ridare ancora lustro ad un Napoli agguerrito di campionato. Fu bellissimo per i juventini ,sentire proprio i giornalisti napoletani rimanere basiti. I tifosi del Napoli, per quanto nel periodo più difficile lo denigrarono, si trovarono alla fine dei bei scudetti persi proprio grazie a lui con la maglia del nemico: la Juve. Arrivò in finale di Champions nell’estate del 2017, ma lì Ronaldo bloccò il sogno due anni  prima fu Morata a fare su Ronaldo e conquistare la finale contro il Barcellona.

Real-Juve e quei giocatori Higuain-Morata e Cr7. Alla fine il girotondo riguarda ex-giocatori del Real che potrebbero muovere, questa volta, un ulteriore eco. Higuain, visto le spese alte per mantenere Ronaldo alla Juve, molto probabilmente potrebbe andare al Chelsea dell’ex allenatore del Napoli Sarri: un grande conoscitore di Higuain, rilanciandolo dopo un vice-Ronaldo al Real Madrid. Potremo dire il rischio che ritornerebbe alla Juve! Higuain deve fare la punta, difficile possa essere efficace con un’altra punta più mediatica di lui di nome Cristiano Ronaldo. Morata, ex-juve, poteva ritornare alla Juve al posto di Higuain però il terremoto Ronaldo potrebbe portarlo da altre parti.

Ronaldo in Italia cambierebbe totalmente gli equilibri, questa volta non stiamo parlando di un Bonucci( ex-della Juve, ora del Milan). Certamente la sfida di un nuovo modo di giocare, la serie A, sarà estremamente avvincente e poi modificherà tutta una concezione italica del calcio. Ronaldo detiene molti sponsor ed è estremamente ricercato, riporterebbe da sé una vera linfa rivoluzionaria al calcio magari portandolo ad una vera elevazione e un orgoglio utile all’Italia calcistica. Dal punto più basso, potremo ritoccare i cieli di Berlino e dalla Juve potrebbe ripartire quel dolce 2006( dolce e amaro, augurandosi una ripartenza e non una fase ardua). Ronaldo potrebbe far viaggiare altri campioni in serie A, le partite potrebbero diventare più entusiasmanti e realmente i turisti e la politica italiana ne risentirebbe ovviamente. Il calcio non è così distante alla vita quotidiana.

Effettivamente i vari sponsor sarebbero pronti a mantenere Ronaldo e i lavoratori sono un po’ nervosi per non vedere aumenti di stipendio. Ronaldo potrebbe diventare il punto di congiunzione dell’Italia intera quotidiana e quel piccolo grande mondo che è il calcio italiano!

L’inaspettato è sempre all’angolo

Sembrava potesse essere vicini ad un conflitto glaciale tra certe potenze. In primis, a distanza, l’america e la Corea del  Nord a suon di twitter. All’interno del territorio coreano, appunto le due Coree si trovavano in lotta. Di colpo, grazie alle olimpiadi, i primi colloqui pacifici sono partiti dal dittatore nei confronti dell’altro capo di stato vicino: quello della Corea del Sud.

SUMMIT.jpg

Dalle atlete unite per le olimpiadi fino appunto ai due capi di stato. Il sottile tra il gioco e la politica non è mai stato così stretto.

due atlete.jpg

Dove, in altre parti, la situazione non fu così limpida e serena, in territori in cui la guerra è ancora molto visibile. Dopo di che l’apertura tra America e Corea del Nord. L’inaspettato è sempre all’angolo, esattamente come l’unione della stessa youtube per trovare chi sarà il quinto dei  Mates, tra i quali parteciparono alla famosa quinta stella vari youtuber tra cui Favij,I Pantellas e tanti altri.

maxresdefault.jpg

Non smettiamo di crederci ;D

Maturazione dell’età

è un processo talmente naturale, al di là di una battuta sull’essere maturi o sul fare la cosiddetta maturità( forse scolasticamente intesa come momento di maturazione scolastica, oltre l’età considerata in occidente come maggiorenne e di consapevolezza ormai dei propri tempi ), che qualsiasi essere vivente modifica il suo essere. Visibile attraverso il cambiamento fisico, ma ancor di più dalla mente per un umano con la capacità di espressione utile a connettere visibilmente un dato cambiamento.

L’atteggiamento modifica e magari, si spera, alcuni colpevoli possono addirittura disconoscersi o ammettere di non aver capito quello che realmente era necessario fare. Certamente può anche capitare che la crescita possa finalizzare al peggio chi la subisce, ma in ogni modo si cresce e si evidenziano modifiche. E quì il video dei The Jackal ritorna a sottolineare un altro lato importante: quanto possiamo sentirci influenzati da quello che facevamo. Il sentirsi a forza giovani per quelli che ci notano per poi renderci conto, grande intervento dato a Max Pezzali, di vivere ciò che siamo come vero tesoro della nostra continua giovinezza( nel sentirsi vivi).

Difatti non significa che l’età anagrafica possa, purtroppo, rappresentare il simbolo della giovinezza. Le guerre, le crisi e tante altre cause possono portare ad un invecchiamento talvolta pure fisico. La vera giovinezza è ritrovare la speranza e per questo motivo seguire situazioni di motivazione fa sempre bene.

giuseppe sapio.jpg

L’esempio, dopo il suo video recente, potrebbe divenire proprio quel Giuseppe Sapio molto ironico e distruttivo nell’epoca di video dove si capiva che era un suo sfogo. Il rendersi sempre più odioso con quel suo motto ” Sorrido sempre ciao”, alla ricerca di una valorizzazione che avrebbe potuto trovare diversamente; finalmente il suo momento serio di gloria lo sta vivendo. Naturalmente la sua verve è a tratti ancora rabbiosa, ma molto matura. Non sarà l’unico, ma sicuramente un punto focale di questa riflessione e ci si augura di speranza contro chi denigra o il nostro stesso abbattimento!

 

Questione di contesto

Avere 23 anni oggi , in quasi tutto l’occidente, significa essere fortunati. Almeno ancora nell’anno 2018 si può dirlo, anche se in base alla nazione ci saranno dinamiche totalmente diverse. Proviamo a pensare negli anni delle guerre o essere semplicemente dalla parte di chi stava bene piuttosto di essere perseguitato. Proviamo, magari, a tornare ulteriormente più indietro fino all’origine dell’essere umano o forse della scimmia. Saranno sforzi intellettuali, eppure la realtà non è mai stata così come la immaginiamo ora.

Questione di spazio e tempo, di momenti in cui ogni persona potrebbe essere diversa da quella che è. Del fatto che le situazioni prima presentano una circostanza, la quale nei mesi si trasforma in un’altra. Quelle persone che prima potrebbero essere così lontane, di conseguenza verranno vicine e magari al posto di altre. Quindi viene da pensare a come cambierà ulteriormente questa realtà umana.

Possa essere un moto di speranza visto che tutto dipende, almeno per quanto riguarda la nostra percezione, da noi stessi e dalle nostre azioni su questo mondo!